lunedì 24 luglio 2017

Suggerimenti - 328


A ship in the harbor is safe, but that is not what ships are for

#ultimora “Non ci è rimasto quasi più niente da bruciare”

Cos'è successo nella scuola #Diaz. Un resoconto durissimo che tutti dovrebbero leggere

Unipol, la compagnia delle coop denuncia un giornalista e la Guardia di Finanza perquisisce...

Le mie prime 24h in Sicilia

Anche #Minniti conferma: #Renzi si prese tutti gli sbarchi dei #migranti

Arrived in Wapokaneta OH today home town of Neil Armstrong

People only see the end result


Millennials Only Have a 5 To 6 Second Attention Span For Ads
i nostri padagni indigeni locali di qui invece ne vanno alla ricerca

Ha toccato! Tito Stagno, Ruggero Orlando e l'allunaggio RAI

Why we need updated EU laws >> UK Granted Spy Tech Export to #Turkey Amid Its Massive Crackdown on Dissent

Non solo "psicologa" e "terapeuta" hameriana: questa estetista sarebbe anche "streghetta" e "veggente". E mi augura un tumore. #DossierHamer

Sempre per la storia che del libro di Renzi non avevamo saputo abbastanza

Scienza - test di reazione dell'italiano medio

Il giornalista italiano che da dieci anni documenta la follia della Nuova Medicina Germanica

Counting Socks


This meeting...

Who else is going to a bookstore or library this weekend?

Razzisti, sessisti e omofobi. Un ritratto dell'Istat impietoso e decisamente inquietante

Got my morning coffee

Cat. Catter. Cattest.

A me succedono cose bizzarre

Lo "strano segnale" di Arecibo: un Wi-Fi extra-terrestre ???

Una scomoda verità


Nelle scuole M5s

Questo il nuovo inno del Pd #Avanti verso il passato con lunghe falcate

Gigi D'Alessio e Anna Tatangelo sono in crisi

Se anche Vespa diventa ribelle siam proprio arrivati al capolinea+

Generosità verso le future generazioni

Non Sequitur

More Practice

Tough comments from Reuters on the chances of Renzi becoming a winner again - even with this level of propaganda
se va bene torna Silvio, altrimenti peggio (molto)


Quale futuro ci aspetta?Che politici saranno eletti?

I'm nothing special really...
eccezionale!

Ma riconoscere le colpe degli antirenziani e nel contempo ANCHE quelle di Renzi (e dei renziani) è proprio vietato?
beh, da Rondolino cosa ti aspetti?

Madonna and Child

Find out if your job is going to be replaced with technology

A Zippo lighter from the Vietnam War

I'm staying inside today

The fact that Einstein never said any such thing only makes this tweet that much more perfect


Più che la #siccità , la piaga di #Roma è quella dei #rifiuti

Alabama

Pisapia a @repubblica dice che vuole costruire "un nuovo centrosinistra (o sinistracentro)"

Brandiscono minacce contro l'hate speech

Bandire le spiagge pubbliche. Vietare le borse frigo

Il piano per il nostro arrivo sulla @Space_Station è più lungo del tavolo

Il tardigrado è un animaletto di 0,5mm che potrebbe vivere fino alla morte del nostro Sole

The power of mass protest, especially when mobilised against specific grievances & aimed at decision-makers

Francesco Spatola

sabato 22 luglio 2017

Suggerimenti - 327


Never ignore someone who cares for you

The Myth of Drug Expiration Dates

I poliziotti del G8 reintegrati verranno utilizzati

Il rendimento del fotovoltaico aumenta!

Ma per il Vaticano sono solo voci

Su Recalcati e Renzi segnalo questo articolo di fine 2016 che - a me profano - è sembrato molto valido

New York City in the 1930s (28 photos)

Anche in Parlamento ci sono i profughi


I Pan di stelle senza olio di palma

le risposte all'intervento di Recalcati su #Renzi

“Dieci bugie sull’Università” - l’inserzione che meritevoli colleghi di Napoli pagarono di tasca loro nel 2016

Tutti mollano Renzi

The old bait and switch

Renzi non è odiato: semplicemente ha fallito in tutto

Che non sarebbe male perché stiamo facendo schifo

A page of visual poetry


India is Rolling Out Trains With Solar-powered Coaches That'll Save Thousands of Litres of Diesel

Ho il terrore di accendere la radio

Francis Bacon non sarebbe mai diventato uno dei padri del metodo scientifico

Gli amish

The Most Iconic Books Set in 150 Countries Around the World [Infographic]

i saw the worst minds of my generation

Il rapporto ratisbona

Bravo Recalcati! Curiamo 50 milioni di matti e così rilanciamo l’Italia

If you cannot explain something in simple terms, you don't understand it


Learned for the nth time that attempting to explain something

instead of a show about slaves

Be Wise Enough

hey kids why don't you have some friends over...

Be who you NEEDED

Stairway to bureaucracy: Toronto man builds park stairs for $550, irking city after $65,000 estimate

There's a global union of the incompetent

I turned transcripts of the President's @nytimes intv into poetry, word-for-word with a few liberties on punctuation


Istruttivo il racconto presentazione di #avanti a #Roma di @Gogodemarchis @repubblica: il giudizio impietoso delle commesse disinteressate


Russell's Teapot
leggere il testo "alt"

No ai vaccini, sì alle opere immortali

#factytruth
non so se è vera; al limite il mio piccolo contributo alle bufale

That's not how it works. And yet, "Musk was received with typical credulity by the tech press"

Sonia Ciampoli: svelare un Mistero?

Very disappointed with the results of his Schrodinger's test

Ed eccoli, oggi, i due protagonisti ancora in vita di quella notte incredibile: Michael Collins e Buzz Aldrin


Dati raccapriccianti che raccontano un Paese avvelenato da cattiveria, ignoranza, ed egoismo

The share of Americans who say they have no religious affiliation is rising

#mafia Minacce mafiose a @isiciliani

"Il contratto" di #Berlusconi con i conduttori de la7

Perché io proprio non capivo perché tutti lì a rassicurare che non era mafia #einvece #mafiacapitale

Oscar Mondadori

Non ci sono più i protoni di una volta

Emergenza immigrati

chi è? vediamo chindovina 👽

giovedì 20 luglio 2017

mercoledì 19 luglio 2017

La teoria delle stringhe in parole povere!

Non è la prima volta che i lettori del Tamburo sentono parlare di teoria delle stringhe.
Questo post si propone di spiegare, nei limiti del possibile, la suddetta teoria fisica con parole semplici, comprensibili da chiunque.
Per far ciò, dobbiamo ripartire dal concetto di atomo.
Avevamo illustrato l'atomo nel post "L'atomo spiegato a mia nonna!", che consiglio di rileggere per essere preparati al meglio nella lettura di ciò che seguirà.
Ricordiamo brevemente che l'atomo è costituito da un nucleo (formato a sua volta da particelle chiamate protoni e neutroni), intorno al quale girano le particelle di cariche negativa note come elettroni (in realtà la questione delle orbite degli elettroni attorno al nucleo è molto più articolata dell'immaginarli come pianeti che girano attorno al Sole, ma questo non è l'argomento della nostra analisi).


Abbiamo anche visto che protoni e neutroni, se scaviamo più in fondo, sono costituiti da particelle ancora più minuscole dette quark.
Una domanda lecita ora sarebbe: "Se scaviamo ancora più a fondo potremmo trovare qualcosa di nuovo?".
La teoria delle stringhe risponde in maniera affermativa a tale interrogativo.
Per la suddetta teoria ogni particella, in fin dei conti, va considerata come fosse una corda (o stringa) vibrante, il cui modo di vibrare determina le peculiarità della particella in questione.
L'Universo sarebbe dunque il risultato della sinfonia suonata da queste stringhe!
Tutto molto bello, ma ciò che abbiamo affermato è proprio una semplificazione all'osso!
Cerchiamo ora di comprendere un poco meglio cosa stabilisce tale teoria.
Uno dei concetti più sorprendenti che la teoria delle stringhe va ad introdurre è sicuramente quello delle numerose dimensioni spaziali, rispetto alle 3 tradizionali.
Sin dalla culla, il neonato incomincia ad avere un'intuizione delle dimensioni spaziali lunghezza e  larghezza, muovendosi a destra/sinistra e sù/giù al suo interno.
Successivamente, quando diventa abbastanza grande da riuscire a scavalcare il "recinto" della culla, il bambino viene a conoscenza della dimensione spaziale dell'altezza (o profondità).
Crescendo ancora, magari leggendo qualche libro di fisica sulla relatività einsteiniana, magari si renderà conto che le 3 dimensioni spaziali e quella temporale rappresentano un unicum denominato spazio-tempo.
Nessuno però potrebbe affermare, affidandosi solo all'intuito, che ci siano più dimensioni delle 3+1 tradizionali, perchè queste dimensioni extra sarebbero non percepibili.
Un'altra questione spinosa con cui la teoria delle stringhe combatte è l'assoluta incompatibilità tra le 2 maggiori teorie fisiche nate nel XX secolo: la relatività generale e la meccanica quantistica.
La prima (dovuta ad Einstein) spiega benissimo il comportamento fisico delle grandi masse, come le stelle, le galassie, asserendo che la gravità (la forza che meglio comprendiamo intuitivamente) non è altro che il modo in cui si curva lo spazio-tempo in presenza di una certa massa.


Per maggiori dettagli leggete qui.
La meccanica dei quanti è invece il risultato dello studio di numerose menti geniali, cominciando da Max Planck, per passare a Niels Bohr, Werner Heisenberg, Erwin Schrödinger, Max Born, John von Neumann e tanti altri.
Essa è la fisica che spiega (in modo probabilistico) la natura del mondo microscopico, quello degli atomi e delle particelle.

Avevamo fornito un'idea dei principi generali della meccanica quantistica qui.
Il problema sorge quando andiamo a considerare un oggetto fisico in cui abbiamo bisogno di applicare entrambe le teorie per studiarlo, parliamo ad esempio di un buco nero.
Un buco nero è letteralmente un corpo di densità infinita (una singolarità gravitazionale se vogliamo essere tecnici), cioè sostanzialmente una massa grandissima concentrata in un volume estremamente piccolo.


Quando andiamo a considerare insieme le equazioni delle relatività generale e della meccanica quantistica sorgono però degli "infiniti", il che rende le 2 teorie apparentemente incompatibili.
La teoria delle stringhe si propone di risolvere la spinosa questione, conciliando appunto la gravità (studiata dalla relatività generale) con le altre 3 forze fondamentali della natura (elettromagnetica, nucleare forte e nucleare debole, spiegate dalla teoria dei quanti): una teoria di gravità quantistica detta in parole povere.


Leggiamo ora un illuminante passo tratto da Il piccolo libro delle stringhe di Steven S. Gubser:

≪Quando si tende per bene [la corda vibrante in un pianoforte] fra 2 piroli e la si suona, la corda vibra a una frequenza definita. La frequenza è il numero di vibrazioni al secondo. Una corda di pianoforte ha pure armonici di vibrazione: tonalità più alte che si mescolano con la sua frequenza fondamentale, sì da produrre il particolare suono che associamo allo strumento...

Possiamo mettere a confronto in maniera diretta una corda di pianoforte con le stringhe della teoria attinente. Per distinguere fra tipi differenti di stringhe chiamerò quelle di cui ci parla la teoria fisica stringhe relativistiche...Si conviene che le stringhe relativistiche terminino su oggetti chiamati D-brane. Se sopprimiamo gli effetti delle interazioni fra stringhe, le D-brane sono infinitamente "pesanti"...La più semplice delle D-brane è chiamata D0-brana: è una particella puntiforme...Tendiamo una stringa relativistica fra 2 piroli. Le D0-brane non sono attaccate a nulla, ma non si muovono perché sono infinitamente pesanti....Il livello di energia più basso della stringa tesa non ha vibrazioni - bé, non ne ha quasi. C'è sempre una debole vibrazione quantomeccanica. Il modo corretto per comprendere lo stato fondamentale della stringa è pensare che essa possieda tanta poca energia vibrazionale quanta ne ammette la meccanica quantistica. La stringa relativistica ha stati eccitati in cui vibra - alla sua frequenza fondamentale oppure su uno dei suoi armonici. Proprio come la corda di un pianoforte, può vibrare simultaneamente su moltissime frequenze differenti. Tuttavia, così come in un atomo d'idrogeno l'elettrone non può muoversi in maniera arbitraria, anche una stringa relativistica non può vibrare a suo piacimento...La stringa deve "scegliere" entro una sequenza di stati vibrazionali. Questi possiedono energie differenti, ma siccome energia e massa sono legate dall'equazione E = mc², i differenti stati vibrazionali di una stringa hanno masse diverse...
La massa totale di una stringa è frutto di molteplici contributi. Anzitutto, c'è la sua massa a riposo: la massa che essa possiede per il fatto di essere tesa da una D0-brana all'altra. Inoltre, c'è l'energia vibrazionale in ciascun armonico: questa contribuisce alla massa, giacché, stando all'equazione E = mc², l'energia è massa! Infine, c'è un contributo che viene dalla quantità minima di vibrazione consentita dalla meccanica quantistica. Tale contributo causato dalle fluttuazioni quantistiche è chiamato energia di punto zero. Siffatta espressione dovrebbe ricordarci che questo contributo quantistico è ineludibile. Il contributo dell'energia di punto zero alla massa è negativo. Il che è strano, molto strano! Se ci limitiamo a considerare un unico modo vibrazionale della stringa, l'energia di punto zero è negativa. Armonici più alti accrescono i contributi positivi all'energia di punto zero. Ma quando li si somma tutti quanti in maniera opportuna, si ottiene un numero negativo. Se ciò non bastasse, c'è di peggio: tutti questi effetti - massa a riposo, energie vibrazionali ed energia di punto zero - si sommano al quadrato della massa totale. Quindi se l'energia di punto zero è dominante, il quadrato della massa è negativo. Ciò significa che la massa è immaginaria, come √-1...Per riassumere la cosa in poche parole, una stringa relativistica nel suo stato energetico quantico più basso ha massa negativa al quadrato. Una stringa in tale stato è detta tachione...Nello scenario che ho descritto, ove una stringa è tesa fra 2 D0-brane, possiamo liberarci [dei tachioni] soltanto separando le D0-brane in misura sufficiente affinché il contributo della massa ottenuto dalla tensione della stringa sia maggiore delle fluttuazioni quantistiche. Ma anche in assenza di D0-brane, ci sono comunque stringhe. Anziché finire su qualcosa, esse si richiudono su se stesse. Non sono affatto tese. Possono ancora vibrare, ma non devono farlo obbligatoriamente. L'unica cosa di cui non possono fare a meno è fluttuare secondo quanto previsto dalla meccanica quantistica. E come prima, tali fluttuazioni quantistiche di punto zero tendono a renderle tachioniche...


I tachioni sono sintomo d'instabilità - un'instabilità simile a quella di una matita in equilibrio sulla punta. Se qualcuno è particolarmente insistente e abile, magari riesce davvero a far sì che la matita si regga in quel modo. Ma il minimo soffio di vento la farà cadere. La teoria delle stringhe con i tachioni è quasi come una teoria del moto di un milione di matite distribuite su tutto lo spazio e tutte quante in equilibrio sulla punta...[Ma] c'è qualcosa di buono nei tachioni. Accettiamo che lo stato fondamentale di una stringa è un tachione, con massa negativa al quadrato: < 0. L'energia vibrazionale rende "meno" negativa. Di fatto, se giochiamo bene le nostre carte, il più piccolo incremento di energia vibrazionale consentito dalla meccanica quantistica rende m esattamente pari a 0. Ottima cosa, dato che sappiamo che esistono in natura particelle senza massa: fotoni e gravitoni. Così, se le stringhe devono descrivere il mondo, bisogna che ci siano stringhe prive di massa - più precisamente, esisteranno stati quantici vibrazionali delle stringhe privi di massa. "Giocare bene le nostre carte" significa che abbiamo bisogno di 26 dimensioni dello spazio-tempo...Quando qualcosa vibra - poniamo, la corda di un pianoforte-, vibra in una direzione definita. La corda di un piano vibra nella direzione in cui è stata percossa. In un pianoforte orizzontale ciò significa che la corda vibra "su e giù" anziché da una parte all'altra. Le vibrazioni prendono una direzione, e ignorano tutte le altre. Per contrasto, le fluttuazioni quantistiche di punto zero vanno in ogni direzione possibile. Ogni nuova dimensione che viene introdotta dà alle fluttuazioni quantistiche un'ulteriore direzione da esplorare. Più direzioni significano più fluttuazioni di punto zero, cioè un maggiore contributo negativo a. Non resta che chiedersi come si mantenga l'equilibrio fra le vibrazioni e le irriducibili fluttuazioni quantistiche di punto zero. A quanto risulta, la quantità minima di vibrazione si neutralizza a vicenda con il valore delle 26 dimensioni della fluttuazione quantistica, portando - come si voleva - a stati di stringa privi di massa.≫

Una piccola nota: i fotoni solo le particelle che mediano l'interazione elettromagnetica (in parole povere, sono i quanti di luce), mentre i gravitoni (questi ultimi ancora ipotetici) designano il corrispettivo per la gravità!
Gubser riassume quanto illustrato in questo modo:

≪Abbiamo buone notizie, cattive notizie e pessime notizie. Le stringhe hanno modi vibrazionali e possono comportarsi come fotoni o come gravitoni - e questa è la buona notizia. Possono farlo soltanto in 26 dimensioni: ecco la cattiva notizia. C'è pure un modo vibrazionale di una stringa che ha massa immaginaria, il tachione. Ciò indica un'instabilità nell'intera teoria. Non può esserci nulla di peggio che questo.≫

La teoria delle stringhe splendidamente raccontata da Gubser nell'estratto riportato viene chiamata teoria di stringa bosonica, che è proprio la versione originale della teoria delle stringhe sviluppata alla fine degli anni '60 del XX secolo.
Negli anni '70, tuttavia, c'è l'avvento della nozione di supersimmetria e la nascita della cosiddetta teoria delle superstringhe!
Per cercare di comprendere almeno l'essenza del concetto di supersimmetria, dobbiamo un attimo ritornare sulle particelle che costituiscono la materia.
La meccanica quantistica ci permette di classificare le particelle in 2 categorie fondamentali: bosoni e fermioni.
La differenza sostanziale sta nel fatto che i bosoni non sono soggetti al principio di esclusione di Pauli, mentre i fermioni lo sono!
Il principio afferma infatti che 2 fermioni identici (come ad esempio gli elettroni) non possono occupare simultaneamente lo stesso stato quantico (in parole povere, la rappresentazione matematica di un sistema fisico).


Un'ulteriore differenza tra bosoni e fermioni è data dal tipo di momento angolare di spin che essi possiedono.
Lo spin è una particolare grandezza (o se vogliamo essere precisi, un numero quantico) che va appunto (assieme ad altre grandezze) a definire uno stato quantico.
Ed è in particolare una forma di momento angolare, grandezza fisica che i lettori del Tamburo hanno già incontrato in passato (qui).
Sussiste il cosiddetto teorema spin-statistica, il quale afferma che i bosoni presentano spin intero, mentre i fermioni hanno spin semintero.
Per esempio i fotoni (che sono bosoni di gauge) presentano spin pari a 1, mentre gli elettroni (che sono fermioni) hanno spin uguale ad 1/2.
Detto ciò, la supersimmetria (abbreviata SUSY) è quella teoria che individua una certa simmetria per cui ad ogni fermione e ad ogni bosone vanno a corrispondere rispettivamente un bosone e un fermione di egual massa!


 Ciò si traduce nel fatto che all'elettrone (fermione di spin 1/2), corrisponde il selettrone (bosone di spin 0), al quark (fermione di spin 1/2) corrisponde lo squark (bosone di spin 0) e così via.
La seguente tabella illustra le coppie particella/partner supersimmetrico fondamentali, già viste nell'immagine precedente:


La supersimmetria e la relativa teoria delle superstringhe portarono a una sostanziale evoluzione della teoria delle stringhe originaria.
Infatti, citando sempre Gubser:

≪La teoria delle superstringhe rappresenta una cura per il problema dei tachioni e abbassa il numero delle dimensioni da 26 a 10. Produce anche nuovi modi vibrazionali che fanno sì che le stringhe si comportino come elettroni...La superstringa fluttua non solo nello spazio e nel tempo ma anche in altre modalità più astratte. Questi nuovi tipi di fluttuazioni sono in parte - ma non del tutto - diretti alla soluzione della questione dei tachioni. Rimane ancora un modo vibrazionale con massa negativa quadrata. La chiave di tutto è che se si comincia con modi vibrazionali che rappresentano fotoni, elettroni o altre particelle a nostra scelta, a prescindere da quali collisioni si provochino fra loro, non si potrà mai ottenere un tachione. È un po' come se l'intera teoria fosse in equilibrio sulla lama di un coltello. C'è, però, una particolare simmetria che aiuta a mantenere l'equilibrio: la cosiddetta supersimmetria.≫

Verso la fine degli anni '80 ai fisici divenne chiaro che la teoria delle stringhe, per quanto arrivi molto vicino a una descrizione unificante dell'Universo, non riesce però a raggiungere tale obiettivo in pieno.
Tra l'altro, si era scoperto che esistevano ben 5 tipologie differenti di teoria delle superstringhe:

1) tipo I;
2) tipo IIA;
3) tipo IIB;
4) eterotica-O;
5) eterotica-E.

Tutte hanno in comune numerose caratteristiche fondamentali, ad esempio:

- necessitano di 10 dimensioni spaziali, di cui 6 compattificate in uno spazio di Calabi-Yau (spazio a 6 dimensioni che prende la denominazione dai matematici Eugenio Calabi e Shing-Tung Yau)

- i modi di vibrazione determinano le masse e le "cariche di gauge".

Ma le differenze tra le suddette teorie esistono e crearono un certo imbarazzo negli studiosi di teoria delle stringhe.
D'altronde un conto è avere un'unica teoria che potrebbe spiegare il meccanismo dell'intero Universo, un altro è averne 5 diverse, un eccesso che finisce per indebolirle tutte quante!
Più recentemente si arrivò a una svolta, come ci illustra Brian Greene nel celebre saggio L'universo elegante:

≪Al congresso del 1995, Witten argomentò che, partendo con una stringa di tipo IIA e aumentando la sua costante di accoppiamento da un valore molto minore di 1 fino a un valore molto maggiore di 1, la fisica che è ancora possibile analizzare ha un'approssimazione a basse energie che è la supergravità in 11 dimensioni. Quando Witten annunciò questa scoperta, i presenti restarono stupefatti. Si trattava di uno sviluppo per quasi tutti completamente inaspettato.≫

Sostanzialmente Edward Witten riuscì a riunire le 5 teorie di superstringa differenti in un'unica teoria madre, chiamata M-teoria, la quale invece di supporre l'esistenza di 10 dimensioni, ne prevede ben 11!
Qual è il significato della M?
Witten non specificò inizialmente cosa intendesse con quella lettera, lasciando il lettore libero di immaginare che si riferisse a "magia", "mistero", oppure (teoria) "madre" o ancora "matrice".
Recentemente ha chiarito che la M sta per "membrana".
Abbiamo osservato di cosa si occupa la teoria delle stringhe e abbiamo cercato di comprendere le peculiarità essenziali, senza entrare nei complessi meandri tecnici.
Siamo arrivati a scoprire che per cercare di descrivere le leggi dell'Universo nella sua interezza, ossia dalla più piccola particella sino alle colossali masse dei corpi celesti (quello che poi fu il sogno ultimo di Einstein prima di morire), si potrebbe aver bisogno di riferirci a ben 11 dimensioni nella teoria delle stringhe unificata, la M-teoria.
Va però sottolineato che, allo stato attuale, la teoria delle stringhe (e analogamente la più generale M-teoria) è niente più che una mera (anche se sembra matematicamente corretta e molto affascinante) ipotesi teorica.
La scienza si fonda chiaramente sulla teoria, ma se non c'è un riscontro sperimentale convalidato, una teoria non può essere assunta come descrizione esatta delle leggi dell'Universo.
Dunque, finché non si avranno conferme sperimentali, la teoria delle superstringhe continuerà ad avere i suoi sostenitori e i suoi oppositori, come è giusto che sia.
D'altronde anche la relatività generale einsteiniana, sino alle conferme sperimentali dell'astronomo britannico Arthur Eddington durante l'eclissi di Sole del 29 maggio 1919, restava una mera ipotesi teorica.
Come ben evidenzia però Ian Stewart in Numeri incredibili:

≪Anche se si finisse con lo scoprire che la teoria delle stringhe non corrisponde al reale funzionamento dell'universo, essa ha dato un grande contributo alla matematica (purtroppo un contributo eccessivamente tecnico per poterne discutere qui). Così i matematici continuano a studiarla, e ritengono che ciò sia di valore in sé, anche se i fisici dovessero decidere che non si applica al mondo reale.≫
 
Sul Tamburo è stato più volte segnalato un bel libro, L'universo senza stringhe, che esprime le ragioni di un fisico teorico, Lee Smolin, a sfavore della teoria delle stringhe.

Oltre a questo, segnalo per ulteriori approfondimenti il già citato Il piccolo libro delle stringhe di Steven S. Gubser, il classico L'universo elegante di Brian Greene e poi il recente Numeri, teoremi e Minotauri di Roger Penrose, dal quale traiamo un interessante passo atto a concludere il nostro post:

≪Quant'è alla moda la teoria delle stringhe? Possiamo farci un'idea della sua popolarità come approccio alla gravità quantistica (perlomeno attorno al 1997) grazie a una piccola indagine presentata durante una conferenza di Carlo Rovelli al Congresso internazionale sulla relatività generale e la gravitazione che si tenne a Pune, in India, nel dicembre del 1997. La conferenza di Rovelli aveva come tema i vari approcci alla gravità quantistica prevalenti in quel periodo. Va sottolineato che Rovelli è uno degli artefici di un approccio alla gravità quantistica che si contrappone alla teoria delle stringhe: la teoria delle variabili a loop...Quello che Rovelli fece fu di esaminare gli archivi di Los Angeles e scoprire quanti articoli scientifici erano stati pubblicati sui diversi approcci alla gravità quantistica nel corso dell'anno precedente. I risultati della sua indagine furono i seguenti:

Teoria delle stringhe: 69
Gravità quantistica a loop: 25
QFT in spazi curvi: 8
Approcci basati su reticolo: 7
Gravità quantistica euclidea: 3
Geometria non commutativa: 3
Cosmologia quantistica: 1
Twistors: 1
Altri: 6

Notiamo che non solo la teoria delle stringhe sembrava di gran lunga l'approccio più popolare alla gravità quantistica, ma che la sua popolarità superava tranquillamente quella di tutti gli altri approcci messi insieme.
In anni successivi Rovelli condusse un'indagine analoga prendendo in considerazione un numero leggermente più limitato di argomenti, ma seguendo l'andamento delle pubblicazioni scientifiche nell'intero periodo compreso tra il 2000 e il 2012, e ne trasse un grafico della popolarità relativa di 3 diversi approcci alla gravità quantistica: la teoria delle stringhe, la gravità quantistica a loop e la teoria dei twistor. Stando a questo grafico, la teoria delle stringhe sembra resistere nella sua veste di teoria popolare, con un probabile picco attorno al 2007 ma nessuna caduta considerevole dopo quell'anno.≫

La conclusione vera e propria giunge tuttavia, visto che abbiamo parlato di sinfonia dell'Universo, con il bellissimo Allegretto, 2° movimento della Sinfonia n.7 di Beethoven, diretto da Herbert von Karajan:


Alla prossima!

Suggerimenti - 326


+++ D'ALEMA LASCIA ARTICOLO 1

I gatti che usano per incendiare il Vesuvio

Ehi, expat, razza di idioti, tornatevene subito tutti a casa, che si sta d'incanto

I numeri sulla spending review

Chi piange non muore
morto nel 1998

Mica si può fare cadere il governo per i diritti dei neri!!

Querelato da #antivax per l'articolo in cui raccontavo le loro bufale. Sarà un piacere discuterne in tribunale, e poi chiedere i danni

Il web ha creato l’élite dei lettori cosmopoliti
nel mio piccolo anch'io (me)


Rupert Murdoch could be about to turn the UK into a scene straight out of 1984

That infographic also has this great nugget on Google & lobbying

Mars, asteroids, Ganymede and Uranus: China's deep space exploration plan to 2030 and beyond

This is an incredible practical joke

We once had a president who gave up his beloved peanut farm to avoid any conflict of interest & at 92 is still building houses for the poor

If you're angry about #doctor13 possibly being a woman, just remember

Non si può capire l'ISIS senza conoscere il Wahabismo

Medicina alternativa


A study by Harvard University shows that 51% of Americans between the ages of 18 and 29 no longer support capitalism

Nel 1850 #Vega è la prima stella a venire fotografata all'Harvard Observatory

The center of each block appears to be bright or to shine

a quanto pare la Cina ha censurato e rimosso Winnie The Pooh per via di questa immagine

Have you ever wondered, "How does the internet work?" Here's a simple explanation

How white people voted in the 2016 US Presidential Election
😯😯😯

La telefonata prima dell’annuncio “Matteo, nel Paese c’è un brutto clima”

Adesso @repubblica copia direttamente parola per parola da Wikipedia, senza pudore. E senza citare la fonte


So much for artificial sweeteners
i dolcificanti fanno aumentare il peso! - naturalmente sono niubbo da verificare

There is no elevator to success

Treat Trumpcare like a zombie: just because it's dead doesn't mean you stop killing it

Lo Ius soli rigenera Berlusconi. Niente sconti a Renzi e Salvini

La meravigliosa storia degli antivax che firmano una petizione provax per sbaglio
eh beh... da certa gente cosa ti aspetti?

Il dibattito aperto su @repubblica su perché si ama o si odia #Renzi è decisamente da spiaggia

Perché tagli diversi vanno cucinati in modi diversi
Bressanini

i giornalisti-complottist li assolviamo? massì, han da scoperchiare qualche altra oscura trama, lasciamoli lavorare
Xylella, sempre quella


I baci della buonanotte

Lo Ius soli, il pavido premier e il ministro piccolo piccolo

How they proved that London's Double-decker buses were not a tipping hazard, 1933

Bossetti: "I miei figli mi chiedono quando uscirò"

The world's movement of people – in one map

Lo stress

Domande e risposte su come funziona l'universo: le FAQ di Quantizzando
Sandro rockz 🚀 -- oops 😯 già detto

Are we playing into the terrorists’ hands?


martedì 18 luglio 2017

Andare al lavoro


Metti che uno, diversamente da me (io) è giovane e pimpante e lavora in un posto übersexy nel centro dell'universo (la parte conosciuta come abitata) e ogni giorno non festivo va al lavoro. Come? commutando dicono loro, i 'mericani.

Ma Bruce (nessuna parentela con Batman e 李振藩 (Lee Jun-fan)) non è come quelli che se senza macchina non si muovono, quelli che la usano anche quando devono andare a Milano in centro. No Bruce rockz! 🚀

Per esempio quest'anno ad aprile ha cambiato mezzo ogni giorno, come racconta qui.

Ora io ormai sono vecchio e poi non sono pratico di internet, non saprei come fare a comprarlo ma l'uniciclo m'intriga. Assay.

E ancora di più, mooolto di più il RipStik, avete presente Marty? ecco quasi come lui; però mi sento più affine a Doc, meno smart di Doc ovviamente.

Comunque dovrei anche comprare il casco; no, non si può fare. È roba da ggiovani, tocca a loro 😊